Informazioni personali

La mia foto
Following my studies in art history, I decided to devote myself to the gratifying profession of tour guide in Siena, the city of the Palio race, and throughout the province. With me you can appreciate art and history, admire amazing landscapes and taste the great cornucopia of foods and wines that characterise Siena and its surroundings! I’ll help you to plan a personal tour, for single visitors or groups, children and adults, proposing you new experiences. I will be pleased to make you protagonists of these lands!///////// Après mes études en histoire de l’art, j’ai décidé de me dédier au charmant métier de guide touristique à Sienne, la ville de la course du Palio, et sa province. Avec moi vous pouvez apprécier art et histoire, admirer fantastique paysages et goûter l’énorme quantité de plats et vines typiques de Sienne et son territoire. Je vous aiderai à organiser votre visite, pour particuliers ou groupes, jeunes et adultes, en vous proposant nouvelles expériences. Je serai ravi de vous rendre protagonistes de ma terre!
VISITATE IL MIO SITO/VISIT MY WEBSITE/VISITEZ MON SITE:

WWW.TOURGUIDESIENA.COM

PER INFORMAZIONI E VISITE GUIDATE/ FOR INFORMATION AND GUIDED TOUR/POUR RENSEIGNEMENTS ET VISITES GUIDEES

CONTATTARE
/CONTACT/ CONTACTER

Silvia Roncucci

guida turistica Siena e Provincia/ tour guide Siena and Province/ guide touristique Sienne et Province

Italiano - English - Français - Portugues

email: silvia.roncucci@gmail.com

mobile: 0039 3334589271

tel/fax: 0039 0577286957

Sede legale: Via E.Ciacci, 46 - 53100 (Siena)

p.iva 01255030528

ORGANIZZO VISITE GUIDATE A/ I ORGANIZE GUIDED TOURS TO/ J'ORGANISE VISITE GUIDEES A:

ORGANIZZO VISITE GUIDATE A/ I ORGANIZE GUIDED TOURS TO/ J'ORGANISE VISITE GUIDEES A: SIENA - SAN GIMIGNANO - CHIANTI - PIENZA - MONTEPULCIANO - SAN GALGANO - PALIO DI SIENA TOUR - BRUNELLO WINE TOUR -

domenica 4 marzo 2012

Una prova importante

Proprio ieri ho fatto la conoscenza di un gruppo di visitatori che sono arrivati a Siena con grande entusiasmo.
Alle 9.45 ero a prenderli alla stazione. Saliti sulla scala mobile del nuovo centro commerciale, in pochi minuti siamo arrivati a Porta Camollia, da dove abbiamo iniziato un percorso parlando della via Francigena, dei Templari di stanza a S.Pietro alla Magione, del rito del battesimo contradaiolo e di sanguinarie vicende risorgimentali. Abbiamo ammirato la chiesetta di Santa Maria delle Nevi, raffinato esempio del Rinascimento senese, Via Banchi di Sopra con le Piazze Salimbeni e Tolomei, il facciatone del Duomo e la varietà dei suoi materiali di costruzione e, infine, Piazza del Campo, ancor più rumorosa del solito per via dell'allestimento del percorso dove sarebbe passata, di lì a poco, la famosa corsa ciclistica dell'Eroica.
Fin qui tutto nella norma. Gruppo simpatico, ragazzi giovani, per lo più miei coetanei. Ma tutti, o quasi, non vedenti. E' stato un piacere spiegare loro la bellezza di Siena attraverso il senso del tatto, dell'odorato, dell'udito: toccando le sculture a rilievo, soffermandoci davanti ad un forno per sentire gli odori speziati e caldi dei dolci senesi, ascoltando i discorsi dei senesi "a chiacchera" nelle piazze e, infine, usufruendo di qualche facilitazione voluta dal Comune di Siena, come le immagini a rilievo dei drappelloni dipinti nel 2011 da Tullio Pericoli e Francesco Carone collocate all'ingresso del Palazzo Pubblico. 
Posso dire con certezza che sentir dire ad uno di loro, nel bel mezzo della visita, "certo, che Siena è proprio bella!", è stata la massima soddisfazione mai avuta in quattro anni di lavoro.
Ce l'avevo fatta a comunicare quella bellezza, non solo visibile, ma anche palpabile.
Il giorno successivo lo ho passato camminando per strada e osservando tutto ciò che era scolpito, toccabile con mano, ruvido, liscio, finemente levigato, a leggero o alto rilievo.
Grazie a loro per aver completamente cambiato il mio modo di vedere Siena.

7 commenti:

  1. Gentile Silvia, non ci conosciamo ma la sua descrizione del tour a siena con
    > ragazzi non vedenti mi ha colpita profondamente. Non mi era mai capitato di
    > sentire le lacrime agli occhi pensando a dei giovani che "toccano la città" e
    > riescono a "vederne" la bellezza con gli occhi dell'anima. Deve essere un tipo
    > di esperienza che arricchisce molto e grazie per averlo raccontato nel suo
    > sito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le sue parole. E' bello avere la sensazione di essere utile agli altri e contemporaneamente imparare qualcosa. Sembra quasi impossibile, ma queste cose esistono ancora!

      Elimina
  2. complimenti Silvia, le bellezze di una città come Siena sembrano quasi parlare da sole da quanto sorprendono ma riuscire a comunicarle a chi non può usufruire della percezione visiva è veramente unico, ha trasmesso sensazioni ed emozioni...brava!

    RispondiElimina
  3. grazie, in effetti..Siena aiuta!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno!!
    Vivendo in una città capita spesso di esser presi dai ritmi della quotidianità e non ci domandiamo mai quale storia è dietro la costruzione dei palazzi che ci circondano e non ci soffermiamo mai a guardarli...a guardare la loro archiettura,.palazzi da secoli li che hanno visto passare sotto di loro centinaia di persone,..a piedi ,..a cavallo,..in bicicletta,..in auto..
    Chi ha soggiornato a Siena nei secoli?..come si viveva un tempo?tanti interrogativi...quando per esempio non c'era acqua nelle case-...le donne andavano alle fonti?...un giorno proprio soffermandomi davanti alle fonti di Fontebranda (da dove passo quasi tutti i giorni) ho sentito il desiderio di conoscere di piu di questa città,..che tutti considerano chiusa... forse per la sua forma morfologica con le sue porte,...e da qui ho deciso di fare un giro della mia città con una delle guide, Silvia, sei stata grande!
    Per un attimo ascoltandoti mentre camminavamo per le vie della città....è stato come se il tempo si fosse fermato...e intorno a me ci fossero quei personaggi, quelle persone che si vedono nelle cartoline vecchie in bianco e nero della città.
    Grazie ancora Silvia sei riuscita con le tue spiegazioni innanzitutto ad arricchirmi culturalmente ma anche a svelarmi tanti miei perchè.
    Grazie ancora
    BenedettaBuongiorno!!
    Vivendo in una città capita spesso di esser presi dai ritmi della quotidianità e non ci domandiamo mai quale storia è dietro la costruzione dei palazzi che ci circondano e non ci soffermiamo mai a guardarli...a guardare la loro archiettura,.palazzi da secoli li che hanno visto passare sotto di loro centinaia di persone,..a piedi ,..a cavallo,..in bicicletta,..in auto..
    Chi ha soggiornato a Siena nei secoli?..come si viveva un tempo?tanti interrogativi...quando per esempio non c'era acqua nelle case-...le donne andavano alle fonti?...un giorno proprio soffermandomi davanti alle fonti di Fontebranda (da dove passo quasi tutti i giorni) ho sentito il desiderio di conoscere di piu di questa città,..che tutti considerano chiusa... forse per la sua forma morfologica con le sue porte,...e da qui ho deciso di fare un giro della mia città con una delle guide, Silvia, sei stata grande!
    Per un attimo ascoltandoti mentre camminavamo per le vie della città....è stato come se il tempo si fosse fermato...e intorno a me ci fossero quei personaggi, quelle persone che si vedono nelle cartoline vecchie in bianco e nero della città.
    Grazie ancora Silvia sei riuscita con le tue spiegazioni innanzitutto ad arricchirmi culturalmente ma anche a svelarmi tanti miei perchè.
    Grazie ancora
    Benedetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Benedetta, fa piacere sapere che il mio lavoro non serve solo a far scoprire Siena a chi non la conosce, ma anche a farla riscoprire a chi la conosce già!

      Elimina
  5. Giorgio perso tra le crete27 giugno 2012 22:55

    Ciao Silvia ho letto casualmente le tue annotazioni relative ad una guida con persone cieche. Bellissime!!
    Mi congratulo volentieri con te per la sensibilità e l'umanità che riesci ad esprimere semplicenente.

    Avanti così, mi raccomando!!!

    RispondiElimina